top of page

Intelligenza emotiva...pratica

Mi piace condividere questo video di Joshua Freedman, CEO di Six Seconds, sul tema dell'intelligenza emotiva e di come usarla.


Tante volte ho avuto modo di scrivere quanto davvero la comprensione e l'uso delle emozioni sia una "materia" che poco padroneggiamo.

Riconciliarci da adulti con una dimensione che non è cresciuta con noi è complesso: tante le difficoltà che possiamo incontrare, prima tra tutte quella di passare dalla teoria alla pratica...di rispondere alla domanda delle domande, quella di chi dice "Ok, ho capito che l'intelligenza emotiva è importante, ma come faccio a svilupparla?".


Del metodo suggerito da Freedman amo la concretezza; la stessa che mi ha portato a scegliere Six Seconds per la mia certificazione EQ Practitioner.


Come rispondere alla "domanda delle domande"? Tre parole:

  1. pratica: costante, continua, per creare un'abitudine nuova nel nostro rapporto con le emozioni

  2. pausa: lo spazio che con la pratica ci abituiamo a creare tra lo stimolo (quello che proviamo, lo scatenarsi dell'emozione) e la risposta (la nostra reazione, i comportamenti che agiamo)

  3. scelta: quella che possiamo fare se "mettiamo in pausa", quando ci accorgiamo che non c'è un solo comportamento che possiamo agire (magari quello consueto, automatico) ma ce ne sono tanti e tra questi uno che ci consente di essere migliori, per noi e per gli altri

Facile? No...come tutto ciò che richiede un cambiamento. Ma il cambiamento è l'essenza della vita



34 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page